Il 2014 è l’anno della terza edizione di Wiki Loves Monuments Italia, il concorso fotografico che potenzia la visibilità dei monumenti e invita ciascuno ad essere protagonista nel documentare, valorizzare e tutelare il patrimonio culturale. Comune denominatore delle immagini che possono partecipare a Wiki Loves Monuments è il soggetto degli scatti: un monumento.

Con il termine monumento si fa riferimento ad un vastissimo genere di opere: edifici, sculture, siti archeologici, strutture architettoniche, siti naturali e interventi dell’uomo sulla natura che hanno grande valore dal punto di vista artistico, storico, estetico, etnografico e scientifico.

Come per le passate edizioni, gli obiettivi principali del progetto sono:

  • valorizzare e documentare l’immenso patrimonio culturale italiano, promuovendone la ricchezza artistico-culturale presso una vasta platea internazionale,
  • invitare tutti i cittadini a documentare la propria eredità culturale, realizzando fotografie con licenza libera, nel pieno rispetto del diritto d’autore e della legislazione italiana,
  • aumentare la consapevolezza della necessità di tutela dei monumenti, preservandone la memoria.

 

Cortile Palazzo di Re Enzo - Foto di  Giacomo Barbaro

Cortile Palazzo di Re Enzo (Bologna) -
Foto di Giacomo Barbaro [Licenza CC-BY-SA con vincolo Mibac]

 

Inquadramento legislativo

L’uso delle fotografie dei monumenti è regolato dalla leggi dei singoli paesi. Nel 2011 l’Italia non ha potuto partecipare al concorso per difficoltà legate alla nostra legislazione: secondo una delle interpretazioni più accreditate, infatti, il Codice Urbani (D.Lgs 42/2004), non prevede la possibilità di fare fotografie di monumenti (comunque fuori copyright) e rilicenziarle con licenza d’uso Creative Commons CC-BY-SA senza una precisa autorizzazione da parte degli Enti pubblici territoriali che abbiano in consegna tali beni o dei privati che ne siano proprietari (art. 107 e 108 del succitato codice).

Dopo l’esperienza degli anni passati, anche quest’anno Wikimedia Italia ha deciso di coinvolgere direttamente gli Enti pubblici e i privati nell’iniziativa, richiedendo loro l’autorizzazione all’uso delle immagini.

Siamo fiduciosi di riuscire a coinvolgere nel progetto anche il MiBact – Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, dopo la fruttuosa esperienza del 2012.

Come funziona Wiki Loves Monuments

Il concorso è suddiviso in due fasi: la prima fase si svolge a livello nazionale, poi le 10 fotografie più meritevoli di ogni paese verranno giudicate a livello internazionale per scegliere la foto vincitrice.

Le regole da seguire per partecipare al concorso italiano sono semplici:

  • bisogna scattare una fotografia a un monumento tra quelli indicati nelle apposite liste 
  • essere disponibili a rilasciare la propria immagine una licenza CC-BY-SA
  • e, nel mese di settembre, caricarla sul sito commons.wikimedia.org, inserendo il codice identificativo del monumento.

Ogni fotografia entrerà a far parte del grande bacino di Wikimedia Commons, la banca dati multimediale di Wikimedia, e verrà usata per illustrare le voci di Wikipedia e i progetti correlati.

Come collaborare

Tutti possono segnalarci monumenti da inserire nelle nostre liste.

Le Amministrazioni Comunali, gli Enti e i privati  che posseggano o gestiscano un monumento (come per esempio un palazzo) databile fino ai primi del 900 possono rilasciarci l’autorizzazione per inserirlo all’interno del nosto concorso. (E’ disponibile un modello di lettera di adesione liberamente scaricabile e personalizzabile)

Poi cerchiamo fotografi che riprendano i monumenti e persone che abbiano voglia di rendere le descrizioni dei monumenti su Wikipedia sempre più belle e complete.

Come essere sempre informati

Tutte le ultime novità sono riportate sul nostro blog e quotidianamente sui nostri Social Network.

Facebook: www.facebook.com/WikiLovesMonumentsItalia

Google plus: gplus.go/WikiLovesMonuments

Twitter: twitter.com/WikimediaItalia

E’ anche possibile iscriversi alla nostra newsletter.